Menù anti allergie: Fiepet Confesercenti E.R. si alla sicurezza dei consumatori ma senza burocratizzare ulteriormente il lavoro degli esercenti

Dal prossimo 13 dicembre 2014 sarà obbligatorio indicare gli allergeni anche per i prodotti somministrati nei ristoranti, mense e bar con annessa ristorazione. Ciò in virtù del Regolamento europeo 1169 del 2011 che prevede l’obbligo di fornire l’elenco di tutti le sostanze presenti negli alimenti somministrati non preimballati o imballati al momento.
Lo Stato italiano aveva però tre anni di tempo per trovare una normativa attuativa tale da garantire la sicurezza del consumatore e nello stesso tempo, ad avviso di FIEPET Confesercenti E.R., non gravare i ristoratori di un ulteriore balzello burocratico. Ciò non è stato fatto, per cui all’avvio del periodo natalizio gli operatori di questo settore si troveranno a dover organizzare quotidianamente, ad ogni variazione di menu, il “bugiardino” informativo per i clienti, pena l’incorrere in possibili pesanti sanzioni.

Per il presidente regionale FIEPET, Andrea Cavallina: “non discutiamo assolutamente circa la volontà di garantire la sicurezza dei nostri consumatori, ci mancherebbe altro, noi siamo i primi che ci guadagniamo dal fatto che i clienti siano soddisfatti e garantiti dalla nostra offerta. Ma non nella forma che la Commissione europea prevede! E’ impensabile che, ad esempio, una trattoria casalinga debba ogni giorno  pensare alla comunicazione scritta di alimenti che cambiano di volta in volta proprio perché freschi. Questa norma manca completamente di buon senso! Si privilegia in tal modo il prodotto industriale rispetto a quello fresco. E’ assurdo! Ci chiediamo anche: ma vale poi per tutti o ci sono settori che ne vengono esentati? Per questo chiediamo ai ministeri dello Sviluppo Economico e della Salute di preparare urgentemente un decreto che preveda la possibilità di informare con la massima facilità i clienti. E’ incredibile che nel nostro paese, famoso per la qualità della sua offerta enogastronomica, non si arrivi a garantire adeguatamente la sicurezza dei consumatori e la qualità dei cibi senza inutili e gravosi appesantimenti burocratici”.
“Si tratta di un ulteriore onere e costo a carico dei ristoratori – evidenzia Claudio Peretti presidente provinciale FIEPET di Ferrara – in un periodo in cui le imprese, ed i pubblici esercizi in particolare, registrano importanti riduzioni dei propri fatturati contrapposti al continuo aumento dei costi, a cui dovremmo essere aggiunte le nuove spese per la rielaborazione dei menù e dei listini prezzi. Auspichiamo che i Ministeri dello Sviluppo Economico e della Salute intervengano per semplificare e diluire nel tempo la piena applicazione per evitare di incorrere in sanzioni”.

© Confesercenti Ferrara 2015 - Via Darsena 178 - 44122 Ferrara

Tel. 0532.778411 - Fax 0532.778510

C.F. 80007790381

mail: direzione.provinciale@confesercentiferrara.it - pec: segreteria@pecconfesercentife.it

Area Privata