Credito d’imposta per le strutture ricettive. Domande dal 13 al 16 giugno

Credito d’imposta per le strutture ricettive. Domande dal 13 al 16 giugno

Il Ministero del Turismo – con Avviso Pubblico del 07 giugno 2022 – ha comunicato le modalità applicative per l’accesso alla piattaforma online per la concessione e l’autorizzazione alla fruizione del credito d’imposta di cui all’art. 79 DL 104/2020, convertito con modificazioni dalla Legge 126/2020.
Alle strutture ricettive esistenti alla data del 1° gennaio 2012 è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del 65% delle spese sostenute dal 1° gennaio 2020 al 6 novembre 2021 entro il limite massimo di € 200.000 (totale di spesa € 307.692,31)
Per struttura ricettiva ammessa al credito di imposta si intende:
1. la “struttura alberghiera”, quale struttura aperta al pubblico, a gestione unitaria, con servizi centralizzati che fornisce alloggio, eventualmente vitto ed altri servizi accessori, in camere situate in uno o più edifici. Tale struttura è composta da non meno di sette camere per il pernottamento degli ospiti. Sono strutture alberghiere gli alberghi, i villaggi albergo, le residenze turistico-alberghiere, gli alberghi diffusi, nonché quelle individuate come tali da specifiche normative regionali;
2. le strutture che svolgono attività agrituristica (di seguito “agriturismo”), come definita dalla legge 20 febbraio 2006, n. 96, e dalle pertinenti norme regionali;
3. gli stabilimenti termali di cui all’art. 3 Legge 323/2000;
4. le strutture ricettive all’aria aperta, ossia le strutture aperte al pubblico, a gestione unitaria, allestite ed attrezzate su aree recintate destinate alla sosta e al soggiorno di turisti, quali i villaggi turistici, i campeggi, i campeggi nell’ambito delle attività agrituristiche, i parchi di vacanza, le strutture organizzate per la sosta e il pernottamento di diportisti all’interno delle proprie unità da diporto ormeggiate nello specchio acqueo appositamente attrezzato, nonché quelle individuate come tali da specifiche normative regionali.

Gli interventi ammessi al credito di imposta sono:
• manutenzione straordinaria
• restauro e di risanamento conservativo
• ristrutturazione edilizia
• eliminazione delle barriere architettoniche
• incremento dell’efficienza energetica
• adozione di misure antisismiche
• acquisto di mobili e componenti d’arredo
• realizzazione di piscine termali, per i soli stabilimenti termali
• acquisizione di attrezzature e apparecchiature necessarie per lo svolgimento delle attività termali,

Le domande possono essere compilate e presentate
• dalle ore 12.00 del giorno 13 giugno 2022
• alle ore 12.00 del giorno 16 giugno 2022
previa autenticazione SPID, CIE o CNS accedendo alla piattaforma dedicata.

L’istanza dovrà essere compilata dal rappresentante legale del soggetto richiedente, come risultante dal Registro delle imprese e firmata – unitamente agli allegati – digitalmente.
Le risorse sono assegnate secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande; entro 60 giorni dal termine di presentazione delle domande il Ministero comunica all’impresa il riconoscimento dell’importo del credito d’imposta effettivamente spettante, oppure il diniego dell’agevolazione.

2022-06-10T09:55:18+00:00 By |news|