I ristoratori della FIEPET CONFESERCENTI chiedono alla Regione una regolamentazione più equa della ristorazione in occasione di sagre e fiere

I ristoratori della FIEPET CONFESERCENTI chiedono alla Regione una regolamentazione più equa della ristorazione in occasione di sagre e fiere

In occasione della modifica alla legge regionale in materia di ristorazione e pubblici esercizi che la Regione Emilia Romagna ha predisposto, i ristoranti , i bar e i  pubblici esercizi aderenti  alla Fiepet Confesercenti  (Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici) hanno chiesto  alla stessa Regione di prevedere l’obbligo per i Comuni di regolamentare in modo più efficace, in accordo con le associazioni del settore, la somministrazione di alimenti e bevande in occasione di sagre e feste e di ridurre significativamente il limite massimo attuale di 30 giornate per la somministrazione temporanea per ogni evento.

L’attuale sistema, infatti, a giudizio dei ristoratori della Fiepet, oltre a rappresentare una forma di concorrenza sleale nei confronti degli esercizi del settore, non garantisce in modo uguale i consumatori da un punto di vista delle normative igienico sanitarie e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

“Noi ristoratori – afferma Andrea Cavallina Presidente della Fiepet Confesercenti  dell’Emilia Romagna – non siamo contrari per principio a quelle manifestazioni che valorizzano il territorio e le sue tipicità e le sue culture, che anzi appoggiamo e promuoviamo quando organizzate con criteri di qualità e garanzia per la salute del pubblico che vi partecipa, ma riteniamo che la moltiplicazione delle autorizzazioni alla somministrazione in via temporanea in occasione di questi eventi, abbia assunto una dimensione eccessiva in presenza di norme e adempimenti semplificati che rendono impossibile forme di controllo adeguate da parte degli organi proposti proprio a tutela della salute del consumatore.”

Ma  per arginare questo fenomeno, la cui semplificazione impedisce forme di controllo  Fiepet chiede al Governo che si intervenga anche sulla normativa  nazionale, rivedendo l’ingiusta e dannosa semplificazione che è stata introdotta per coloro che fanno ristorazione in questi eventi, prevedendo, come per i veri ristoranti,  requisiti a garanzia della sicurezza alimentare e della salute dei consumatori, ma non solo introducendo l’obbligo di presentazione dei requisiti, da parte degli organizzatori dell’evento, con un adeguato margine preventivo per l’accertamento da parte degli enti preposti (Ausl ecc.).

“La pesante crisi economica che stiamo attraversando – conclude Andrea Cavallina – che ha fortissime ripercussioni sui consumi non permette più di tollerare regimi diversi che vedano, da una parte, un sistema di imprese sottoposte a mille adempimenti e a ogni forma di controllo e, dall’altra, un variegato mondo più o meno trasparente, dove tutto è permesso e reso possibile da ogni forma di agevolazione in virtù di una “semplificazione” del tutto sbagliata e dannosa per le imprese e per i consumatori. Questo sistema produce una situazione di concorrenza sleale che rischia di far chiudere definitivamente migliaia di imprese del nostro settore che lavorano onestamente nel rispetto della qualità”.

By | 2014-04-17T11:59:39+00:00 8 aprile 2014|news|